Il Santuario della

MADONNA della FIDUCIA

BREVE STORIA DEL SANTUARIO

Isola Pescaroli è una frazione del comune di San Daniele Po, posta sulla riva sinistra del grande fiume e oggi abitata da meno di un centinaio di anime. Venne costituita parrocchia nel 1909. La chiesa parrocchiale era in stile romanico, a una sola navata con un campanile risalente al XIII secolo.

L'origine del santuario è legata a don Martino Aletti. Da seminarista, grazie ad un amico, conobbe la devozione della Madonna della Fiducia, venerata nel Pontificio Seminario Romano.

Nel 1934, divenuto sacerdote, don Martino venne inviato come vicario nella  parrocchia di Pietralata a Roma  ed ebbe così l'occasione di andare più volte al Seminario Romano per venerare l'immagine mariana lì custodita dal 1774.

Nel 1941 don Martino, nominato parroco di Isola Pescaroli, fece arrivare da Roma una riproduzione di quell'effige a cui era così devoto. La Madonna fu accolta nella chiesa parrocchiale di San Daniele Po e da lì portata processionalmente lungo l'argine maestro fino alla chiesa di Isola, dove fu collocata nel primo altare di sinistra.

Nei giorni drammatici della primavera del 1945 gli isolani si affidarono alla protezione della Madonna della Fiducia e attribuirono alla sua intercessione la grazia di non aver subìto rappresaglie e violenze durante la ritirata dell'esercito tedesco.

Finita la guerra don Martino commissionò  al pittore Tito Rodolfi l'attuale dipinto della Vergine. Egli scelse come modella per la figura di Maria la sua figlia maggiore e come modello per Gesù bambino il suo ultimo genito. 

La grande alluvione del 1951 vide ancora come protagonista la Madonna della Fiducia: il Po ruppe gli argini in molti punti e diversi paesi limitrofi furono sommersi, ma non Isola Pescaroli. Per questo motivo don Martino chiese all'arcivescovo Giovanni Cazzani di insignire la Madonna del titolo di “Regina del Po”. Il rito dell'incoronazione fu celebrato l'8 maggio 1952. Le corone furono benedette dal papa Pio XII. 

In seguito ebbe inizio la costruzione della nuova chiesa parrocchiale edificata in onore di San Biagio, patrono della comunità e della Madonna della Fiducia. La consacrazione del nuovo edificio avvenne il 12 maggio 1957.

Venne istituita la festa della Madonna della Fiducia la seconda domenica di maggio. Da allora, ogni anno in quell'occasione l'effige mariana viene portata in processione sul fiume e viene invocata la sua protezione a difesa delle alluvioni.

Riducendosi il numero degli abitanti della piccola frazione, la cura pastorale della parrocchia di Isola Pescaroli venne affidata dagli inizi degli anni 2000 al Parroco di San Daniele Po.

Con un decreto del 31 dicembre 2020 il vescovo di Cremona Antonio Napolioni ha stabilito la soppressione della parrocchia di San Biagio in Isola Pescaroli e la chiesa parrocchiale ha ricevuto il titolo di Santuario della Madonna della Fiducia.  

CELEBRAZIONI IN SANTUARIO

1 Gennaio, Maria Ss.ma Madre di Dio

Prima domenica di Febbraio, San Biagio

25 Marzo, Annunciazione

Lunedì dell'Angelo

1 Maggio, apertura del mese mariano

Seconda domenica di Maggio, Festa della Madonna della Fiducia

31 Maggio, Visitazione B.V. Maria

Lunedì dopo Pentecoste, Maria Madre della Chiesa

16 Luglio, B.V. Maria del Carmelo

15 Agosto, Assunzione di Maria in Cielo

8 Settembre, Natività di Maria

15 Settembre, Maria Ss.ma Addolorata 


7 Ottobre, B.V. del Rosario

21 Novembre, Presentazione B.V. Maria

8 Dicembre, Immacolata Concezione

ACCOGLIENZA IN SANTUARIO

Il Santuario accoglie presso le strutture ad esso annesse, gruppi parrocchiali, Associazioni e Movimenti per momenti di preghiera, ritiri spirituali, celebrazioni.

Per poter usufruire del servizio di accoglienza o celebrare in Santuario è necessaria la prenotazione al numero 371 45 72 408

"Ave, Maria, piena di grazia": così comincia la preghiera che ci viene insegnata fin da bambini e che, soprattutto nelle difficoltà, riaffiora sulle labbra e nei cuori. "Dio saluta una donna, la saluta con una verità grande: 'Io ti ho fatto piena del mio amore, piena di me, e così come sarai piena di me sarai piena del mio Figlio e poi di tutti i figli della Chiesa'.

                                                         Papa Francesco